Vinaora Visitors Counter

780541
Today
Yesterday
This Week
Last Week
This Month
Last Month
All days
196
353
760
771050
3980
11202
780541

Your IP: 3.226.245.48
Server Time: 2020-08-12 12:59:20

Appunti

Racconti e poesie di Don Zelio

Appunti dal “piccolo chiostro”

RACCONDI E POESIE DI DON ZELIO

E’ uscito il nuovo libro di don Zelio curato dal sottoscritto: per me è come una promessa mantenuta fatta ad un caro Amico. Giusto un anno fa, nell’estate del 2018, era uscito “Ed è già Resurrezione”, un testo complesso centrato sulla memoria, antica e recente, di don Zelio: di quando era bambino, figlio di un minatore che muore in un incidente sul lavoro, seminarista, sacerdote e parroco del suo amato paese, Piancastagnaio. C’è la storia del suo grande entusiasmo per il Concilio vaticano II, che lo porta a ricercare, con grande coerenza, il volto del Cristo nei più poveri, negli ultimi. C’è la storia della sua comunità, e anche della sua Montagna. C’è la sua profonda spiritualità, basata sul Vangelo declinato nel presente ed espressa con la vita; ma anche con lo scrivere, ricordando, raccontando, sognando poesie.

 

Don Zelio mi aveva affidato l’ultima versione di “Ed è già Resurrezione”: operando nel rivedere il testo, cercando di rispettare il contenuto e lo stile letterario, avevo dovuto fare dei tagli, in particolare dei racconti e delle poesie che conteneva e che non ritenevo appropriati per il libro. Con il “sogno” di non mandare perso niente e di riunire le parti tagliate alla raccolta di racconti e poesie che don Zelio mi aveva affidato poco tempo dopo il testo di cui vi ho parlato.

Ed oggi, con questa nuova pubblicazione “In un angolo del tempo. Racconti e poesie”, questo impegno è realizzato e don Zelio continua ad essere presente con noi e a parlarci con uno stile bello, affabulante, coinvolgente. Lo scrivere è stato per lui un modo importante per raccontarsi, e raccontare la sua comunità, esprimere le sue gioie, le sue preoccupazioni, i suoi sogni; per meditare sul suo cammino umano e spirituale.

I racconti ci parlano delle antiche tradizioni pianesi ma anche della fantasia dell’autore, che crea storie collegate ai luoghi “magici” e sacri dei dintorni di Piancastagnaio, rielaborando storie sentite da bambino o collegate alla storia della nostra Montagna. Le grotte e le grandi rocce che ritornano spesso, mi hanno invitato a riscoprire il paese, in particolare il centro storico, e il suo essere abbarbicato sulle ultime propaggini dell’antica eruzione vulcanica e aperto verso la valle del Paglia e dei suoi affluenti. Il lieve rumore di quello che rimane delle sorgenti e delle fontane antiche, le fonti di Voltaia e Fonte Natali, richiamano la freschezza delle primavere descritte nei suoi racconti pieni di fate. Le origini di queste leggende penso risalgano ai “magnifici giardini” manieristi del palazzo del Marchese, ricchi di fontane, siepi, statue e viali, e al vecchio cimitero di San Martino. I suoi racconti sono un invito a riscoprire la zona “magica” tra Fonte Natali e Collemaggio, a ricomporre antichi sentieri, a valorizzare la “scala santa”, a ritrovare e restaurare i resti dei “magnifici giardini”, pensando a ridare vita anche all’eccezionale palazzo del Marchese, il monumento più importante e significativo di Piancastagnaio.

Eppoi ci sono le poesie del nostro Amico, molto spesso canti di amore al creato e al Creatore, espressione della sua grande passione per Piancastagnaio e per l’Amiata, e per Gesù.

Dai racconti e dalle poesie emerge, con forte tenerezza, l’affettuoso ricordo del passato della comunità, la durezza della vita affrontata con grande forza e spirito di solidarietà; emerge la memoria dei suoi cari che ritorna possiamo dire sempre, illuminata dall’amore di Dio. Emerge la sua fede profonda nel Cristo morto con noi e per noi e risorto perché anche noi possiamo risorgere con Lui e dimorare con Lui nella Casa del Padre.

Ritorna il suo grande amore per il creato, per i boschi, campi, vigne, per la neve, particolarmente affascinante per don Zelio, che lo rimandano al passato e gli fanno vivere il presente con più consapevolezza.

Di don Zelio restano ancora scritti, omelie, riflessioni a carattere più spirituale: con l’aiuto ed il sostegno dei suoi amici ed estimatori possiamo affrontare l’impegno anche per un terzo suo libro.

Carlo Prezzolini

Toscana oggi, Confronto 22 settembre 2019